Traduttori e traduttrici: comunicatori linguistici e ponti tra le culture

In tempi di globalizzazione e di progressiva concentrazione nel campo dell’economia, della politica, della scienza e della cultura, cresce l’importanza della funzione del traduttore. Dal momento che tradurre non significa semplicemente trasferire parola per parola un testo da una lingua in quella di riferimento, ma considerare tipici elementi di comunicazione sia a livello linguistico che culturale, il traduttore svolge una funzione importante per il superamento della barriere linguistiche. In veste di gran comunicatore tra persone di diversa derivazione culturale agevola in tal modo la costituzione di rapporti economici e politici.

Traduttori e traduttrici non devono avere solo un „feeling“ per lo stile, la terminologia, il ritmo della lingua e gli elementi funzionali della lingua di partenza e di riferimento, ma sono essenziali anche conoscenze sulla cultura e sulla storia dei Paesi interessati. Inoltre si richiede un marcato talento analitico per comprendere l’essenza di un testo da riprodurre correttamente nella traduzione. Il traduttore deve quindi disporre di conoscenze generali e complete, tenuto conto che la maggior parte dei traduttori si concentra nel corso della carriera su uno o più settori specialistici, ad es. tecnica, medicina, diritto o politica.

Considerato che la lingua non è una formula matematica, ma che essa evidenzia una certa flessibilità con sinonimi, diverse soluzioni stilistiche e brani intercambiabili, non esistono per una traduzione parametri esatti. Il traduttore è responsabile delle scelte che fa: se resta attaccato al testo o se traduce liberamente dal testo di partenza, privilegiando la bellezza stilistica e linguistica? Anche nella cerchia specialistica non esistono soluzioni definitive, per cui sono in corso discussioni sempre stimolanti sui criteri di traduzione.

Le traduzioni non sono fissate su un supporto mediatico: le riprese audio possono essere fissate per iscritto, da testi si possono ricavare servizi televisivi o radiofonici. Allo scopo il committente impone spesso strutture predeterminate.

La professione del traduttore è una sfida: sia come comunicatore linguistico che come ponte tra le culture il traduttore svolge compiti impegnativi, ma nello stesso tempo anche eccitanti e responsabili.